OK

09.12.2016 | SECO

Provvedimenti nei confronti della Siria

Il 18 maggio 2011 il Consiglio federale ha emanato un’ordinanza che istituisce provvedimenti nei confronti della Siria. In tal modo la Svizzera aderisce alle sanzioni decretate il 9 maggio 2011 dall’Unione europea contro questo Paese. Le misure restrittive sono state prese a causa della repressione violenta, da parte delle forze antisommossa e di polizia, contro la popolazione civile. A causa del deterioramento della situazione per la popolazione civile siriana, il Consiglio federale ha deciso l’8 giugno 2012 di inasprire le sanzioni previste. L’ordinanza è stata pertanto sottoposta a una revisione totale.

L'ordinanza prevede tra l'altro i seguenti provvedimenti:

Restrizioni del commercio e dei servizi

  • Divieto di fornire materiale d'armamento e beni che potrebbero essere utilizzati per repressioni interne (art. 2 cpv. 1 e 2 e allegato 1)
  • Sono vietate la fornitura di servizi di ogni genere, compresi i servizi finanziari, i servizi di mediazione, la consulenza tecnica, nonché la concessione di mezzi finanziari in relazione con il materiale d'armamento e con beni che potrebbero essere usati per repressioni interne (art. 2 cpv. 3)
  • Sono vietati l'importazione e il finanziamento per il petrolio e i prodotti petroliferi (art. 3 cpv. 1 e 2 e allegato 2)
  • Divieto di finanziamento e di partecipazione nei settori della prospezione, dell'estrazione o della raffinazione di petrolio (art. 3 cpv. 4 e 5)
  • Divieto di fornire e finanzare casburanti por aeromobili e relativi additivi
  • Divieto di fornitura e di finanziamento delle attrezzature e delle tecnologie per lo sfruttamento e la produzione di petrolio e gas naturale nonché per la liquefazione di gas naturale (art. 4 cpv. 1 e 2 e allegato 3)
  • Divieto di fornitura, di finanziamento e di partecipazione in relazione con le centrali per la produzione di energia elettrica (art. 5 cpv. 1 - 4 e allegato 4)
  • Divieto di fornitura, di finanziamento e di fornitura di servizi per le attrezzature e le tecnologie a fine di ispezione (art. 6 cpv. 1 - 3 e allegato 5)
  • Divieto di fornitura concernente banconote e monete (art. 7)
  • Divieto di fornitura per i metalli preziosi e i diamanti (art. 8 e allegato 6) e per i beni di lusso (art. 9 e allegato 8)
  • Divieto di commercio di beni culturali (art. 9a)

Blocco dei valori patrimoniali e divieto di metterli a disposizione

  • Blocco di averi e risorse economiche di determinate persone fisiche, imprese e organizzazioni (art. 10 cpv. 1 e allegato 7)
  • Divieto di trasferire e di mettere a disposizione averi e risorse economiche (art. 10 cpv. 2 e allegato 7)
  • Dichiarazione obbligatoria per i valori patrimoniali bloccati (art. 19)

Restrizioni di servizi finanziari

  • Divieti concernenti le obbligazioni pubbliche siriane (art. 12)
  • Restrizione degli impegni dell'assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni (ASRE) (art. 12a)
  • Relazioni bancarie vietate con la Siria (art. 13)
  • Divieti concernenti assicurazioni e riassicurazioni (art. 14)
  • Divieto di soddisfare determinati crediti (art. 16)

Ulteriori restrizioni

  • Divieti concernenti i voli di aeromobili cargo (art. 15) Divieto di entrata e di transito per determinate persone fisiche (art. 17 e allegato 7)

Beni culturali dalla Siria

L'esecuzione dell'art. 9a è di competenza dell'Ufficio federale della cultura (UFC)
Servizio specializzato trasferimento internazionale dei beni culturali
Hallwylstrasse 15
3003 Berna
Tel. +41 58 462 03 25
E-mail


Ordinanza

 

< ritorno al sommario