OK

Investimenti collettivi di capitale

Gestori patrimoniali di investimenti collettivi di capitale

 | Ora tutti i gestori patrimoniali di investimenti collettivi di capitale, anche quelli esteri, sono soggetti all'obbligo di autorizzazione.
Un'eccezione è costituita dalla cosiddetta «regola de minimis», che esenta dall'obbligo di autorizzazione i gestori patrimoniali i cui investitori sono da considerarsi qualificati e che gestiscono patrimoni di fondi per l'ammontare di:

  • max. CHF 100 milioni (con o senza effetto leva)
  • max. CHF 500 milioni (i valori patrimoniali degli investimenti collettivi di capitale gestiti sono costituiti da investimenti collettivi di capitale senza effetto leva e senza diritto di riscatto per i primi 5 anni a decorrere dal primo investimento in ciascuno di questi investimenti collettivi di capitale).

 

Distribuzione di quote di investimenti collettivi di capitale

 | Il concetto di appello al pubblico è stato stralciato. Con il termine distribuzione si intende qualsiasi forma di offerta e pubblicità di investimenti collettivi di capitale. Ai sensi della LICol nel concetto di distribuzione non rientrano:

  • l'impiego, nell'ambito della gestione patrimoniale, di fondi di gestori patrimoniali indipendenti che aderiscono a un'organizzazione settoriale riconosciuta dalla FINMA e operano in virtù di un contratto di gestione patrimoniale scritto conforme alle direttive di detta organizzazione
  • l'impiego di fondi tramite gestori patrimoniali indipendenti nel quadro di contratti di consulenza (rapporto di consulenza a lungo termine a titolo oneroso)
  • l'attività «execution only».

 

Definizione di investitore qualificato

 | Anche il concetto di investitore qualificato è stato completamente ridefinito. Sono ora considerati investitori qualificati:

  • gli investitori che hanno stipulato un contratto di gestione patrimoniale scritto, nella misura in cui non abbiano dichiarato per iscritto che non intendono qualificarsi come investitori qualificati (clausola opt-out)
  • le persone giuridiche che si configurano come intermediari finanziari soggetti a vigilanza o dispongono di una tesoreria professionale

 

Persone private che

  • dispongono di un patrimonio finanziario minimo di CHF 5 milioni o
  • dispongono di un patrimonio finanziario minimo di CHF 500‘000 e vantano le conoscenze necessarie per la comprensione dei rischi sulla scorta di esperienze maturate in ambito professionale o simile,
    possono confermare per iscritto l'intenzione di qualificarsi come investitori qualificati (clausola opt-in).